martedì 11 settembre 2012

La 25a ora


"La 25a ora" è un film del 2002 diretto da Spike Lee. E' ambientato a New York e le riprese sono state girate in seguito all'attacco dell'11 settembre, di cui vi sono alcuni riferimenti all'interno del film come la panoramica sul Ground Zero, ovvero il cantiere su cui risiedevano le Torri Gemelle. La storia è tratta dal romanzo omonimo di David Benioff che ha preso attivamente parte come sceneggiatore.
Morty (Edward Norton) è sempre stato uno spacciatore fin da ragazzino ma ora si ritrova a scontare 7 anni di carcere in seguito a una soffiata . Gli rimangono le ultime 24 ore di libertà per congedarsi dalle persone che più gli stanno vicino. Rivede il padre e successivamente trascorre la notte in un locale con la fidanzata Naturelle (Rosario Dawson) e i suoi migliori amici Frank (Berry Pepper), un agente di Wall Street, e Jacob (Philip Seymour Hoffman), un insegnante di liceo.

Il romanzo è stato scritto prima di questo tragico evento, quindi il regista ha voluto adattare la trasposizione cinematografica in modo da trasmettere un messaggio: "il problema per noi era molto semplice: sentivamo che girare un film come questo a New York, così poco tempo dopo l'attacco, ci imponeva di doverlo realizzare anche come se fosse un commento alla città dopo l'11 settembre. Per questo abbiamo trasformato New York in un personaggio della storia, trattandola come una città ferita, popolata da persone che cercano semplicemente di vivere le proprie vite. C'è una battuta molto importante nel film, quando nell'appartamento che si affaccia su Ground Zero Jacob chiede a Frank: "Pensi di traslocare altrove?" e lui risponde: "Col cazzo. Per quanto mi riguarda, Bin Laden può venire qui e farlo di nuovo se ne ha il coraggio". Quello non è solo Frank che parla, ma 8 milioni di newyorkesi che dichiarano: "Noi da qui non ce ne andiamo" ha detto Spike Lee.

Opinione personale"La 25a ora" affronta alcuni problemi della società con tono riflessivo e drammatico, Spike Lee trasmette tutte le paure di Morty, l'ansia per la libertà che arriva agli sgoccioli e le paranoie per ciò che lo aspetta. Il cast è ben scelto è dimostrano tutti una buona interpretazione: Edward Norton non ha bisogno di presentazioni ed è tra gli attori che più preferisco in assoluto, ma anche Barry Pepper e Philip Seymour Hoffman calzano bene nel loro personaggio, ciascuno definito con una propria personalità e un diverso stile di vita.
Non ho letto il romanzo di David Benioff quindi non posso trarre una considerazione rispetto alla trasposizione cinematografica, ma credo sia ben accurata dato che lo stesso autore ha lavorato come sceneggiatore. Mi piace molto la sensibilità che Spike Lee ha avuto nel cogliere la sofferenza della città, fortemente provata dall'attacco appena subito.
Personalmente devo però ammettere che questo film non mi ha colpito particolarmente, mi aspettavo che trasmettesse di più e invece a tratti risulta lento e un po' noioso. Il finale rivela il significato della 25a ora, ma mi è sembrato abbastanza prevedibile. Altre opinioni che ho letto lo reputano un gran bel film, uno dei migliori di questo regista, quindi consiglio comunque di vederlo per trarne una vostra considerazione personale.

Informazioni generali. Titolo originale: 25th Hour. Paese: Stati Uniti. Anno: 2002. Durata: 135 min. Genere: drammatico. Regia: Spike Lee. Soggetto e sceneggiatura: David Benioff. Produttori: Spike Lee, Jon Kilik, Julia Chasman, Tobey Maguire, Edward Norton.

Attori principali. Edward Norton: Monty Brogan. Philip Seymour Hoffman: Jacob Elinsky. Barry Pepper: . Frank Slaughtery. Rosario Dawson: Naturelle Riviera. Anna Paquin: Mary D'Annunzio. Brian Cox: James Brogan.

Consigliato: Non mi è particolarmente piaciuto ma è reputato uno dei migliori film di Spike Lee, quindi consiglio comunque di vederlo per trarne una vostra considerazione personale.

Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...